Iniziative
FW.it nel Mondo
Rules, Help & Co
Piccoli incidenti in giro per la strada. di Arwen88
Categoria: Anime e Manga - Witch Hunter Robin
Rating: Per tutti
Personaggi: Haruhito Sakaki, Yurika Dojima, Altri
Genere: Demenziale
Note: What if?
Aggiungi la storia ai preferiti | Segui la storia
Stampa il capitolo | Stampa la storia
Capitolo pubblicato il 25-05-2010
Commenti al capitolo - 0

Questa fanfiction non è a scopo di lucro. I personaggi appartengono ai rispettivi ideatori e detentori di Copyright.

Testo su Tutta la Pagina Testo sull'80% della Pagina Testo sul 60% della Pagina # Aumenta Interlinea Interlinea Normale Riduci Interlinea # Ingrandisci il Font Reimposta il Font Rimpicciolisci il Font

Gioite: la mia prima demenziale su questo fandom... per la serie "studiare fa male, molto, molto male". Questa direi che è una one shot crossover tra Whitch Hunter Robin e il Dottor Who, che tanto sono entrambi Sfiga Fandom...
Partecipa allo Sfiga Fandom Fest, prompt: Witch Hunter Robin, Doctor Who.




Piccoli incidenti in giro per la strada.




Sakaki e Doujima erano ai margini di una strada della città, la cacciatrice si era seduta sul marciapiede mentre il collega cambiava una gomma del SUV.
Yurika strusciò annoiata gli stivaletti sull'asfalto.
-Ma proprio qua dovevamo bucare?-
Sakaki la fulminò con uno sguardo seccato: -Potresti anche smettere di brontolare, visto che non stai facendo niente.-
La ragazza ridacchiò battendo le mani.
-Ma no! Il mio è supporto morale!-
Improvvisamente l'aria si riempì di un gran rumore mentre dal nulla compariva una cabina blu della polizia britannica, una di quelle ormai sparite da anni. I due cacciatori la guardarono scioccati, senza sapere cosa fare.
La porta si aprì di colpo e da dentro uscirono un uomo con un completo e cappotto marroni ed un paio di scarpe da ginnastica bianche e una donna con una coda di capelli rossi.
I due si guardarono per strada prima che l'uomo tirasse fuori una specie di mini torcia dal cappotto e la puntasse attorno.
La donna si tirò invece su la zip del giubbotto blu guardandosi corrucciata attorno, dopo qualche secondo si strinse le braccia al petto e si avvicinò al compagno.
-Dove siamo? Non mi pare esattamente il Pianeta Pinguino, non dovrebbe esserci più neve e...- si guardò attorno e agitò una mano. -Meno case?-
L'uomo fece una smorfia strana grattandosi la nuca, come stesse attendendo un cattivo risvolto alle proprie parole.
-Eh no, Donna, direi che siamo in Giappone.-
-Giappone. Magnifico.-
La donna lo guardò irritata iniziando ad agitare le mani: -Almeno spero che non siamo nel mio presente, Dottore!-
Il dottore si inginocchiò ad ispezionare il marciapiede con la propria torcia dalla luce azzurra.
-No, no: siamo un pochino nel futuro...-
Donna si chinò su di lui, cercando di capire quel che stava osservando.
-Mm... la Chiesa direi che sta iniziando a prendere sempre più potere.-
D'improvviso la donna dai capelli rossi si voltò verso Sakaki e Yurika, osservandoli attentamente; i due ragazzi batterono le palpebre, ancora sconcertati da quel che succedeva davanti a loro.
Donna li indicò col pollice: -E loro chi sono?-
Il dottore si alzò in piedi osservandoli a sua volta, la fronte aggrottata: -Oooh... loro... Sì, loro sono cacciatori di streghe, dico bene?-
L'uomo si sporse verso di loro con un sorriso e i due cacciatori si guardarono per un attimo, le facce scioccate, prima di annuire.
-Bene!-
Il dottore si tirò su prima di esclamare in un'altra lingua un "Molto bene!"; annuì e si voltò verso la compagna di viaggio con le mani nelle tasche. Senza preavviso si beccò però uno schiaffo sulla nuca da parte di questa: -Cosa? Cosa ho fatto?-
Donna lo guardò a metà tra lo scandalizzato e l'irritato.
-Mi stai prendendo in giro!-
-No!-
Un click risuonò nella strada e i due si voltarono incuriositi. La loro espressione mutò però nel vedere entrambi i cacciatori con le pistole puntate verso di loro.
-Su le mani!-
All'intimazione imperiosa di Sakaki alzarono subito tutti e due le mani, piano il dottore si sporse verso la compagna, sussurrando a bassa voce: -Cammina indietro lentamente ed entra nel TARDIS.-
Donna si girò e corse via il più velocemente possibile verso la cabina di legna blu sotto lo sguardo desolato del dottore.
-No, no, no! Ho detto "lentamente!"-
I due cacciatori iniziarono a sparare addosso ai due stranieri usando i caricatori d'orubo ma mancarono la donna in fuga e prima che potessero sparare ancora il dottore sollevò la torcia e gliela puntò contro, illuminando le loro armi. Stupiti, non riuscendo più a sparare, abbassarono le armi cercando di farle funzionare finché il precedente rumore non riempì l'aria e quando rialzarono lo sguardo la cabina di legno blu stava scomparendo rapidamente.
Sakaki e Doujima corsero verso lo strano oggetto ma quando arrivano a mezzo metro quella ormai era già scomparsa, portando con sé i due strani stregoni.

I due cacciatori si guardarono in faccia, ancora un po' sconcertati.
-Se lo diciamo in ufficio ci cacceranno per incompetenza.-
Sakaki annuì pienamente convinto.
-Forse è meglio se questa storia ce la teniamo per noi.-
Con calma, dopo aver rinfoderato le pistole, si riavvicinarono al SUV. Come niente fosse accaduto, Sakaki riprese in mano la ruota, cercando di concentrarsi sulla sostituzione da fare finché non vide Yurika seduta sul marciapiede stavolta con in mano il cellulare.
-Chi stai chiamando?-
La ragazza lo guardò fermandosi dal comporre il numero e sorrise maliziosa: -Sto pensando di cambiare dottore, chissà, magari ne trovo anch'io uno carino!-




Ora, seriamente: se voi andaste in Giappone, vi dicessero che siete nel futuro e che ci sono di nuovo le caccie alle streghe... Anche voi pensereste che vi stanno prendendo in giro, dai.




↑ Torna in Cima ↑





#libriattesi
Il ritorno
Jennifer L. Armentrout
Genere
Paranormal Romance
Data di uscita
12-04-2018
Fragile è la notte
Angelo Petrella
Genere
Noir
Data di uscita
12-04-2018
L'altra moglie
Kerry Fisher
Genere
Thriller Psicologico
Data di uscita
12-04-2018