Iniziative
FW.it nel Mondo
Rules, Help & Co
Paura che ottenebra la mente di Arwen88
Categoria: Anime e Manga - Witch Hunter Robin
Rating: 14+
Personaggi: Amon, Robin Sena
Genere: Introspettivo, Malinconico, Sentimentale
Note: Oneshot, OOC, What if?
Aggiungi la storia ai preferiti | Segui la storia
Stampa il capitolo | Stampa la storia
Capitolo pubblicato il 29-04-2010
Commenti al capitolo - 1

Questa fanfiction non è a scopo di lucro. I personaggi appartengono ai rispettivi ideatori e detentori di Copyright.

Testo su Tutta la Pagina Testo sull'80% della Pagina Testo sul 60% della Pagina # Aumenta Interlinea Interlinea Normale Riduci Interlinea # Ingrandisci il Font Reimposta il Font Rimpicciolisci il Font

Mi sono chiesta cosa sarebbe successo se Amon fosse stato veramente spaventato dai poteri di Robin e avesse iniziato a pensare di prendere decisioni diverse, e da questo è nata questa: nient'altro che una breve fan fiction su una possibile strada che avrebbe potuto prendere questo personaggio. ...Un giorno scriverò una demenziale su questo fandom, lo prometto!
Partecipa allo Sfiga Fandom Fest, prompt: Witch Hunter Robin, Amon, Robin, paura.


Paura che ottenebra la mente






A Robin era stato detto che possedeva un potere di classe S e a questo aveva sempre creduto.
Si fidava della Casa Madre, pensava che tutto quel che facevano era per proteggere lei e il mondo. Ma ora stava iniziando a capire che forse non erano sempre così le cose.
Inizialmente aveva pensato fosse merito del Frammento se riusciva a gestire il fuoco così bene.
Ma ora lo sapeva: quel potere era suo, tutto suo. Nessuno gliel'avrebbe preso, nessuno le avrebbe fatto del male o l'avrebbe allontanata dalla sua strada, dalle sue decisioni.
Ora poteva proteggere se stessa e coloro a cui teneva, adesso poteva vendicarsi di tutto il dolore che le era stato inflitto da quell'agenzia che pensava la volesse soltanto tenere al sicuro.
Ma era quello il vero volto della Solomon, erano i cacciatori che uccidevano anche le persone che erano cresciute con loro, solo perché venivano dichiarati "nemici".
Robin guardò quell'uomo tanto tristemente famoso, frapponendosi tra lui e Nagira.

Negli occhi verdi di Robin ci fu una scintilla e nell'aria le fiamme divamparono, consumando, incenerendo il nemico.


Sebbene solo spettatore, lontano e celato al suo sguardo, Amon arretrò di un passo, gli occhi sgranati e le gambe tremanti.
Aveva paura, un terrore mai più provato dacché era piccolo, da quando per la prima aveva assistito alla "magia".
Il bagliore del potere della ragazza lo riportò con la mente a quei terribili attimi in cui aveva scoperto l'esatta natura della propria madre. Voleva fuggire, voltare le spalle alla missione affidatagli, alla necessità di capire quel che succedeva, alle promesse e a quei stupidi sentimenti che coinvolgevano la sua partner.

Camminava per la strada, il capo basso, celandosi nella nebbia che aleggiava sulle vie di quella città.
Si chiedeva come aveva potuto innamorarsi di una strega, di uno di quegli esseri che da sempre aveva cacciato. Robin ora gli faceva paura: non era più la sua partner, non era più la ragazzina con le codette e un piccolo problema a controllarsi. Era una strega, una strega molto potente.
Avrebbe dovuto ucciderla.

Fermò i propri passi d'improvviso, rialzando il volto, guardando per la prima volta la strada dove si trovava. Sentiva il fiato mozzato nel petto e quello che sembrava un pungente senso di colpa martellargli il petto: aveva promesso che l'avrebbe protetta, le aveva detto di fidarsi di lui.
Deglutì, mandando giù quel groppo in gola che altro non era che paura.
Se fosse tornato indietro avrebbe fatto in tempo ad aiutarla, se fosse scomparso nel nulla sarebbe stata trovata probabilmente dai sottoposti di Zaizen.
Amon si voltò, lanciando uno sguardo a dove si trovava l'imboccatura del vicolo da cui era arrivato, laddove si trovava Robin.
Si chiese cosa le avrebbero fatto se l'avessero trovata priva di sensi, senza nessuna protezione.
Scosse la testa con forza, strizzando le palpebre.
Non riusciva a pensare, a decidere.
La nebbia della strada sembrava essersi fatta largo persino nella sua mente, ottenebrandola grazie alla paura, e ora non riusciva più a decidere cosa fare.


***





L'ho lasciata volutamente in sospeso, con Amon che sembra un po' più propenso ad assolvere il proprio compito che a proteggere Robin. Ho pensato che la paura non l'avrebbe potuto portare a prendere una decisione drastica, che è più probabile lo lasciasse per un certo tempo in un limbo di incertezze e dubbi. So che Amon spaventato è OOC ma è su questo che si impernia il mio What if, perdonatemi!


↑ Torna in Cima ↑





#libriattesi
Il ritorno
Jennifer L. Armentrout
Genere
Paranormal Romance
Data di uscita
12-04-2018
Fragile è la notte
Angelo Petrella
Genere
Noir
Data di uscita
12-04-2018
L'altra moglie
Kerry Fisher
Genere
Thriller Psicologico
Data di uscita
12-04-2018